• Indice

    Published on 09/10/2014 13:57  Number of Views: 22 
    Article Preview

    La sede del Quirinale è immune alla presenza degli imputati, anche quando a testimoniare sul Colle più alto di Roma è il presidente della Repubblica. È per questo motivo che il prossimo 28 ottobre Giorgio Napolitano testimonierà nel processo sulla Trattativa tra pezzi dello Istituzioni e Cosa Nostra, alla sola presenza dei legali e dei pm: assenti saranno Totò Riina, Leoluca Bagarella e Nicola Mancino, gli unici imputati del processo che avevano fatto richiesta di presenziare all’udienza. Rigettata anche l’istanza presentata dall’Associazione tra Familiari della strage di via dei Georgofili, tra le parti civili ammessi al dibattimento.
    ...
    Published on 09/10/2014 13:52  Number of Views: 16 
    Article Preview

    I giudici della Corte d’Assise di Palermo hanno detto no alla presenza degli imputati alla deposizione del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nell’ambito del processo sulla Trattativa Stato-mafia. L’udienza è prevista per il 28 ottobre e verrà celebrata al Quirinale, unica sede in cui il capo dello Stato può rendere testimonianza. Sede che gode di una “immunità” che impedisce – secondo i giudici – la presenza di chi è sotto accusa. A chiedere di poter assistere all’audizione da parte delle parti erano stati i boss Totò Riina e Leoluca Bagarella e anche l’ex ministro Nicola Mancino.
    ...
    Published on 08/10/2014 13:43  Number of Views: 21 
    Article Preview

    In seguito alle recenti intimidazioni mafiose ricevute dal procuratore generale Roberto Scarpinato, la casa editrice Chiarelettere lancia un appello di solidarietà e, da venerdì 10 a domenica 12 ottobre, darà la possibilità ai lettori di scaricare gratuitamente l’e-book Il ritorno del principe, la testimonianza di un magistrato schierato in prima linea contro la mafia e scritto a quattro mani con Saverio Lodato.
    ...
    Published on 07/10/2014 13:36  Number of Views: 28 
    Article Preview

    La Procura di Palermo, in una memoria depositata alla Corte d’Assise, ha dato parere favorevole alla partecipazione dei boss Totò Riina e Leoluca Bagarella e dell’ex ministro Nicola Mancino alla deposizione, al Quirinale, del Capo dello Stato al processo sulla trattativa Stato-Mafia. I capimafia, qualora la Corte accogliesse la loro istanza di assistere alla deposizione, parteciperebbero in videoconferenza dal carcere, mentre Mancino potrebbe assistere dal Quirinale.
    ...
    Published on 07/10/2014 13:32  Number of Views: 15 
    Article Preview

    Il prossimo 28 ottobre Nicola Mancino vuole salire sul Colle più alto di Roma per assistere alla deposizione di Giorgio Napolitano al processo sulla Trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa Nostra. Dopo i boss mafiosi Salvatore Riina e Leoluca Bagarella, quindi, anche l’ex presidente del Senato ha fatto depositare dai suoi legali una richiesta alla corte d’Assise di Palermo per chiedere di essere presente al Quirinale durante la testimonianza del Presidente della Repubblica.
    ...
    Published on 01/10/2014 18:38  Number of Views: 35 
    Article Preview

    Prima di essere formalmente affiliato a Cosa Nostra, di essere “punciuto” mentre un’immaginetta sacra veniva bruciata, Sergio Flamia chiese il “permesso” agli uomini dei servizi con cui era in contatto. E gli uomini dell’intelligence glielo accordarono: apparati dello Stato avrebbero dunque consigliato al boss di Bagheria, già considerato uomo di Cosa Nostra ma affiliato soltanto nel 2010, di entrare formalmente nell’organizzazione. E in seguito furono gli stessi agenti dei servizi a dare parere positivo al boss mafioso in merito alla sua intenzione di collaborare con la magistratura.
    ...
    Published on 30/09/2014 18:29  Number of Views: 34 
    Article Preview

    “Temiamo” che la collaborazione tra amministrazione penitenziaria e Sisde “sia servita ad intercettare eventuali intenzioni di collaborazione dopo la ‘sfortunata’ vicenda di Giuffrè che raccontò i rapporti tra la politica e Cosa Nostra in Sicilia e non solo”. E’ questa la preoccupazione espressa dal vicepresidente della commissione Antimafia Claudio Fava in una conferenza stampa sul Protocollo Farfalla, l’accordo stretto tra il 2003 e il 2004 – all’epoca del secondo governo Berlusconi – tra Dap e Servizi segreti civili guidati da Mario Mori per il controllo, da parte degli 007, delle informazioni che provenivano dai detenuti nelle carceri di massima sicurezza. Il documento – sei pagine – è ora agli atti del processo in corso a Palermo sulla Trattativa Stato-mafia. Il vicepresidente della commissione antimafia lo definisce “una sorta di Gladio delle carceri”.
    ...

    Page 1 of 10 1 2 3 4 5 6 7