• La Loggia P8

    Published on 18/01/2015 17:31  Number of Views: 1910 

    "Stato e mafia sono andati a braccetto per oltre 40 anni. Ma dovevano incontrarsi in clandestinità ché, si sa, in Paese si parla. Così come amanti il loro rapporto è andato avanti e come in tutte le coppie, con alcuni screzi – oggi ti ammazzo un magistrato, domani mi arresti un boss – ma fondamentalmente con una convivenza anche abbastanza civile. Ci si sedeva allo stesso tavolo a spartirsi il manciare, ci si aiutava in un rapporto mutualistico. Insomma, una vera e propria coppia di fatto. E poi che ci fu? Ci fu che qualcuno, nell'est europeo, ha deciso di fare saltare il tavolo sul quale s'era poggiato il mondo sin dal dopoguerra. Si disgrega l'Unione Sovietica e gli stati satelliti e un giorno il mondo s'è svegliato con un muro in meno e nuove regole da creare sulle ceneri delle precedenti. E l'Italia è crollata appresso a tutto il resto. Fino ad allora lo Stivale era stato un buon campo di battaglia per le due fazioni in cui era diviso il globo, un terreno sperimentale sito nell'avamposto dell'Occidente a pochi passi dal comunismo. E, fra gli esperimenti, c'era quel rapporto con la mafia. Quei “goodfellas” affidabili, utili all'occorrenza ma che, senza comunista da tenere a bada, non erano più dei partner strategici. Così, sulla soglia delle nozze d'oro, Stato e mafia litigano. E per la prima volta, nel gennaio 1992, l’intera Cupola si trova con gli ergastoli definitivi sulle spalle.
    ...

    In questa sezione troviamo i contributi spiritosi ma non troppo al riguardo della politica italiana, della criminalità organizzata e delle associazioni di furbastri. La Loggia P8 si riferisce anche alla fantomatica organizzazione che sicuramente già esiste, ma della quale non si sa nulla ... perché segreta

    Italia 

    Published on 10/01/2014 22:25  Number of Views: 1431 
    Article Preview

    Italia è l'ideale paradiso fiscale per la criminalità organizzata perché offre alcuni vantaggi che in altri paesi sono completamente assenti. Spicca fra tutti la possibilità di riciclare ingenti quantità di denaro con il beneplacito dello Stato mediante suo gestore, rappresentato dalla società semi-privata Equitalia. Quando un'attività miliardaria è destinata a fallire, occorre iscriversi a ruolo delle aziende in sofferenza e in questo modo si possono concordare sconti nell'ordine di 80-95%, sulle tasse ancora da versare, con possibili finanziamenti a fondo perduto realizzati dalle tasche dei contribuenti.
    ...